D. Mastroberardino

 

 

A bronze medal and a great collection of five silver medals is the result achieved by Terredora at the International Wine & Spirits Competition Awards 2018, almost an Oscar for the International Wine World, with participants from over 90 countries worldwide.

2018 challenge is the 49th edition as well as continues to reward the excellence of wines, liqueurs and spirits and to preserve the importance of when it was born in 1969, thanks to the idea and the work of Anton Massel, chemical expert. He wanted that this competition should be a competition that was based not only on organoleptic judgment, but also on the chemical analysis of all the wines and spirits involved.

When, in 1978 the Competition was named International Wine & Spirit Competition from the originally Club Oenologique, its rules were refined. The technical controls have been improved to ensure that the highest quality standards achieved are maintained constantly from year to year.

This approach is the reason, as well as the quality of the jury, rigorously selected among the best of the professionals of the beverage industry, to make prestigious awards in this great international competition.

 

 

 

Cinque di medaglie d’argento e una di bronzo per Terredora all’International Wine & Spirits Competition Awards 2018, quasi un Oscar per il mondo del Vino Internazionale, con partecipanti da oltre 90  paesi al mondo.

Giunto alla sua 49esima edizione, a tutt’oggi, questo concorso continua a premiare l’eccellenza di vini, liquori e distillati e a conservare l’importanza di quando nacque nel 1969, grazie all’idea e all’opera di Anton Massel, esperto chimico che lo volle come concorso enologico che si basava non solo su giudizio organolettico, ma anche sull`analisi chimica di tutti i vini e distillati partecipanti.


Nel 1978 il nome è stato cambiato da Club Oenologiquein International Wine & Spirit Competitione le regole del Concorso sono state affinate. I controlli tecnici sono stati migliorati per garantire che gli standard qualitativi più elevati raggiunti siano mantenuti costantemente di anno in anno.

E’ questo rigore, nonché la qualità della giura, rigorosamente selezionata fra il meglio dei professionisti dell’industria delle bevande, a rendere prestigiosi i riconoscimenti in questo grande concorso internazionale.

D. Mastroberardino

June 2018

IRPINIA ROSAENOVAE DOC 2017 – 90 points

“Light pink. Strawberry and herbs on the lively nose. Dense, juicy and classically dry, with good cut to its tangy red berry flavors. Finishes deep, clean and saline. Made from Aglianico grown between 400-600 meters above sea level.

 

 

Giugno 2018

IRPINIA ROSAENOVAE DOC 2017 – 90 punti

"Rosa pallido il colore, fragola ed erbe al naso. Denso, succoso e classicamente secco, sapore perfettamente giocato dai frutti rossi. Finiture profonde, pulite e saline. Prodotto in Aglianico coltivato tra i 400-600 metri sul livello del mare. "

 

 

D. Mastroberardino

April 30, 2018 

TAURASI PAGO DEI FUSI DOCG 2010, 93 points

“Eucalyptus and anise notes on the nose carry through to flavors of dried currant and grilled plum. This rich red is fresh and focused, medium- to full-bodied and framed by sculpted tannins. Offers a lasting, mineral finish. Best from 2020 through 2028. 1,666 cases made.” -A.N.

30 Aprile 2018

TAURASI PAGO DEI FUSI DOCG 2010, 93 punti

"Note di eucalipto e anice al naso e sapori di ribes e prugne grigliate. Questo rosso è ricco, fresco e
concentrato, mediamente corposo e incorniciato da tannini scolpiti. Offre una finale di note minerali di particolare persistenza. Pronto da bere, ma al meglio dal 2020 al 2028. "-A.N. 

 

April 30, 2018

FIANO DI AVELLINO CAMPORE DOCG 2013 – 90 points

“A bright, medium-bodied white, with sleek acidity and aromatic accents of oak spice and lime blossom framing creamy flavors of poached apricot and lemon parfait. Well-balanced, with a persistent, lightly spiced finish. Drink now through 2022.” -A.N. 

30 Aprile 2018

FIANO DI AVELLINO CAMPORE DOCG 2013 – 90 punti

" E’ un bianco brillante, di medio corpo, con spiccata acidità. Ha note aromatiche di speziato e fiori di tiglio a fare da cornice alle note cremose di albicocche disidratate e di parfait al limone. Ben equilibrato, con un finale persistente, leggermente speziato. Da bere ora  e fino al 2022. "-A.N.

 

 

April 30, 2018

GRECO DI TUFO LOGGIA DELLA SERRA DOCG 2016 - 90 points

“A well-cut, minerally white, with a hint of salinity underscoring the pretty Gala apple, candied lemon zest,
apricot and floral notes. Creamy. Drink now through 2021.” – A.N.

 

30 Aprile 2018

GRECO DI TUFO LOGGIA DELLA SERRA DOCG 2016 - 90 punti

"Un perfetto bianco minerale, con un pizzico di salinità che sottolinea bene la mela, la scorza di limone candita, l'albicocca e le note floreali. Cremoso. Da bere ora fino al 2021.". - A.N.

 

 

 

 

D. Mastroberardino
"Il vero viaggio non consiste nella ricerca di nuovi luoghi,
ma nell'avere nuovi occhi." Marcel Proust.
 
 
Vi aspettiamo domenica 27 maggio 2018 per un viaggio alla scoperta dei nostri vigneti e delle nostre selezioni, per condividere una giornata a ritmo di vino, poesia, musica e tango.
 
 
D. Mastroberardino

Terredora parteciperà Ciak Irpiniala Vendemmia va in scena, il 19 maggio 2018, al Castello La Leonessa di Montemiletto (AV) nel cuore di uno degli areali di produzione più vocati d’Irpinia e dove è sita una delle vigne Terredora, che dà ai natali al Taurasi Fatica Contadina, una delle etichette simbolo dell’azienda e della denominazione stessa del Taurasi.

 

L’evento Ciak Irpinia è organizzato dal Consorzio di Tutela Vini d’Irpinia, che ha rilanciato un incontro annuale tra stampa specializzata, produttori, tecnici ed esperti per seguire l’evoluzione del territorio, prendendo spunto dalla vendemmia appena conclusa.

L’iniziativa è finalizzata a fornire una rappresentazione il più possibile corale dei fattori caratterizzanti lo sviluppo delle terre d’Irpinia.

Lo scopo dell’evento non è stilare classifiche dei vini prodotti dalle singole aziende, bensì approfondire le conoscenze sul nostro territorio, registrando i mutamenti in atto tra la comunità dei produttori.

 

Programma

Ciak Irpinia si apre con un seminario riservato al panel di giornalisti invitati, in cui viene posta in degustazione cieca una selezione dei vini delle aziende consorziate. 

Al termine è prevista una sessione di approfondimento con confronto tra giornalisti, tecnici ed esperti, con la presentazione dei lavori svolti dalla Commissione Tecnica, composta da professionisti operanti nel territorio irpino, per illustrare le caratteristiche strutturali e l’andamento dell’ultima annata. 


Dalle ore 16 alle 21, si svolgerà il WalkAround Tasting delle aziende consorziate aperto al pubblico accreditato.

L’accredito dovrà essere richiesto a segreteria@guyotmedia.it.

 

 

Come raggiungere Montemiletto

 

 

 

 

D. Mastroberardino

   

                                   Di vigna in vigna, le tessere del Mosaico Terredora.

Cantine Aperte, evento imperdibile dell’andar fra botti e filari, vedrà nuovamente Terredora aprire le sue porte agli appassionati e cultori del vino e dei luoghi di produzione, per un giornata scandita da ritmi slow tra visite culturali e degustazioni.

Si rinnova il gemellaggio con l’Alta Irpinia, conosciuta per la sua secolare ospitalità, grazie alla collaborazione con lo chef Luciano Colucci del Ristorante Colucci di Nusco, per un appuntamento gourmet, servito nella sala da pranzo di Walter Mastroberardino.

Grazie all’incontro con ACIPeA, Associazione Culturale Italiana Poeti e Artisti, Cantine Aperte torna ad essere anche spazio di contaminazioni culturali: la presentazione del romanzo di Nicola Branchi "Intime Confidenze" e della raccolta poetica "Negramaro" del poeta salentino, Franco Maci, faranno da prologo ad un’Estemporanea di poesie dedicate al Nettare di Bacco, in presenza di una Giuria popolare, che premierà i tre primi classificati. Pittori e ballerini di tango saranno gli ospiti del pomeriggio, per un momento d’arte a tutto tondo, con tante piccole e grandi suggestioni, unico fil rouge, il vino, l’Irpinia, grande terra d’eccellenza enoica, di cui Terredora, con il suo progetto Mosaico di Vigne, è ambasciatore d’eccellenza nel mondo.

 

 


D. Mastroberardino

 

Terredora presenzia al Gran Tour "Antologia del rosso italiano", in rappresentaza dell'Irpinia e del Taurasi Doc, con il Taurasi Docg Pago dei Fusi 2007. Vinificato in purezza al 100% dal vitigno aglianico e proveniente da vigneto di circa 4.50.00 ettari nel comune di Pietradeifusi, l'etichetta rappresenta uno dei gioielli di punta di casa. L'evento rientra nelle manifestazioni fuori salone del "Vinitaly and the City", dal 13 al 16 aprile, che anticipano e accompagnano il Vinitaly e che coinvolgono il centro città con musica, cultura e convivialità. La location prescelta è la prestigiosa "Loggia Antica" di Piazza dei Signori.

Terredora attends the Grand Tour "Anthology of Italian Red", in representation of Irpinia and Taurasi Doc, with its Taurasi Docg Pago dei Fusi 2007. Vinified in 100% purity from the Aglianico vine and coming from a vineyard of about 4.50.00 hectares in the countriside of Pietradeifusi, the label is one of the leading jewels of the company. The event is part of the contest  "Vinitaly and the City", from april 13 to 16, which takes place during Vinitaly and which involves the city center with music, culture and conviviality. The chosen location is the prestigious "Loggia Antica" in Piazza dei Signori.